Vento
brezza della notte
finestra
imposte aperte
calore radiante
TV
cultura altra
rumorosa fine secolo
atomi che sobbalzano
esplodono
energia nucleare
desiderio d'essere inutile
di fare
per pura voglia d'emozionarsi
non per denaro
finalmente
poterlo gridare
non per soldi
che schifo
solo tu
occhi puri
che cercano
si affidano
piangono
solo tu
ed io
che passeggiamo in altri cieli
pomeriggio in giardino con Monet
serata a cena  con Catullo.
Guarigione.

Cellule di cancro
imprigionate.
Ferita indifesa
TV ancora accesa
libro appoggiato
sottolineato
vedi alla voce Amore
ripreso riletto
ricercato
unico aggancio vitale
poi
rimesso a posto
fra tulipani rossi
e delfino bianco.

 

http://www.nunziabusi.it